Navigazione veloce

L’incontro con il Prefetto

Prefetto

19 Novembre: la visita del Prefetto a Pavone del Mella

Lettera da parte della classe 3A:

 

Gent.mo Prefetto Narcisa Brassesco Pace,

siamo stati molto lieti di averLa ricevuta nel nostro paesino in provincia di Brescia in occasione del Consiglio comunale straordinario del 19 Novembre, aperto ad alcune classi delle scuole della nostra Comunità.

La Sua presenza ha portato gioia nelle persone presenti, abbiamo avuto la possibilità di ascoltarLa parlare di argomenti importanti e sicuramente complessi, come la crisi economica che ha colpito il nostro Paese, e il suo impatto anche sul nostro territorio.

SentirLa valorizzare l’impegno profuso fino ad ora da persone di buona volontà che fanno parte dela nostra Comunità, come i rappresentanti volontari delle Forze armate,  ma anche gli agricoltori, gli imprenditori, gli operai, il Signor Sindaco, il Parroco e in generale tutte quelle persone che si danno da fare giorno per giorno per il Bene comune, ci ha dimostrato il Suo interesse per il territorio bresciano, che sia centro o periferia, nonostante Lei –  come ci ha spiegato – non sia originaria di queste zone.

Abbiamo potuto, insieme a lei, toccare argomenti di grande attualità quali la crisi economica, l’emigrazione e la criminalità, ma soprattutto gli aspetti positivi del vivere nella nostra zona rurale. Il momento più bello, che ci ha fatti sentire orgogliosi della nostra origine, è stato quando Lei ha elogiato il territorio di Brescia e i Suoi abitanti, esprimendo anche il desiderio di rimanere con noi bresciani ancora per tanto tempo.

Siamo stati molto onorati di aver partecipato anche noi,  classe 3A (insieme alle quinta A della scuola primaria e ai ‘grandi’ della scuola dell’infanzia), a questo incontro, avendo anche la possibilità di porLe delle domande relative alle nostre curiosità sul Suo ruolo istituzionale. Abbiamo in questo modo scoperto che la carica prefettizia è in realtà un impegno spesso fuori sede e dinamico. Le sue parole sono state coinvolgenti e tutti, dai bambini più piccoli agli anziani presenti, hanno prestato grande attenzione.

Speriamo che Lei possa tornare a trovarci, perché altri ragazzi si possano rendere conto che dobbiamo sperare nell’Italia e negli italiani, ma anche in una provincia – quella in cui viviamo – sempre migliore anche grazie al lavoro del Prefetto che la amministra.

 

Cordiali saluti

La classe 3A

 

 

Per immortalare il momento tutti gli scolari presenti hanno fatto una foto ricordo in compagnia del Prefetto, del Sindaco e del Dirigente scolastico.

Non è possibile inserire commenti.